curare
in profondità
oltre al sintomo
curare in profondità oltre al sintomo
Progetto Insegnanti Video
Articoli » Tematiche

Cibo: prevenzione e cura

 

Le informazioni contenute in questo articolo rappresentano una estrema sintesi di un percorso di studio, ricerca e approfondimento personale, e devono intendersi come condivisione di esperienze che debbono sempre essere liberamente valutate e rapportate alle proprie esigenze personali. Al termine di questa tematica, verranno indicate per correttezza e per coadiuvare un eventuale approfondimento personale, le fonti.  

Il contenuto di questo documento non vuole in alcun caso sostituire la consulenza personalizzata di un medico dietologo o nutrizionista, al quale si consiglia di rivolgersi affinché, sulla base delle personali esigenze di salute, indichi un eventuale programma alimentare personalizzato. 

Pertanto, ogni decisione presa sulla base di queste indicazioni dev’essere intesa come personale e sotto la propria responsabilità.

 

 

“Questa tematica non ha la pretesa di essere esaustiva e definitiva, anzi sarà in continua evoluzione e ci si augura in miglioramento, ma come ogni cosa andata a buon fine dovrà pur avere un inizio”. 

 

I consigli che verranno dati non sono frutto di un'opinione personale, bensì basati su studi scientifici. I contenuti sono stati ricavati dalle ricerche medico scientifiche più attuali in ambito alimentare e della salute fisica. Adottando questi accorgimenti molti disturbi e patologie che generano sofferenza a milioni di persone miglioreranno sensibilmente e molte altre troveranno una totale risoluzione, apportando un contributo indispensabile alla qualità della vita. 

 


leggi tutto

Dott.ssa Di Fazio: mangiare bene per sconfiggere il male

 

Da spettatori a protagonisti

 

Per prevenire ed eventualmente curare la propria salute con efficacia e soddisfazione, è indispensabile che le persone vengano educate e comprendano bene quali sono i mezzi necessari a loro disposizione, per divenire da semplici spettatori passivi che sperano nella buona sorte, a protagonisti attivi dove l’operato di ciascuno sarà determinante e farà la differenza tra salute o malattia, guarigione o progressione del male.  Non si può continuare a sperare solo nell’aiuto di altri o nei miracoli della scienza, rimanendo nel frattempo passivamente in attesa della famosa scoperta che ci salverà la vita o ci farà guarire da gravi malattie, create peraltro nella maggior parte delle volte da noi, a causa di uno stile di vita malsano.  Con questo non si vuole  affermare che le terapie, i farmaci o la chirurgia non abbiano la loro importanza nella cura delle malattie, ma che l’operato di ciascuno di noi, soprattutto in ambito di prevenzione (dove pochissimi ne parlano seriamente e il più delle volte viene spacciata come prevenzione la diagnosi precoce, che sono due cose estremamente diverse) può realmente fare la differenza, perché ricordiamocelo bene, il miglior modo in assoluto per curare le malattie è quello di non ammalarsi. Ovvio, per mettere in pratica tutto ciò è necessario assumersi le proprie responsabilità, scrollarsi di dosso la pigrizia e l’ozio e dismettere il ruolo di vittima, in un sistema tiranno che vuole farci credere che l’operato del singolo non conta nulla, divenendo finalmente gli autori della nostra vita e della nostra salute. Solo in questo modo potremmo non avere mai dei sensi di colpa nei nostri confronti e nei confronti dei nostri figli, orgogliosi fino all’ultimo dei nostri giorni di aver vissuto veramente e di essere stati degli esempi di maturità e buon senso.  

 


leggi tutto

Lo sfidante film documentario integrale

 

Ogni essere umano che appare in vita sul nostro meraviglioso pianeta Terra ha diritto ad una vita piena, felice, intensa, che gli piermetta di esprimersi nella sua unicità irripetibile, che gli porti il dono della Saggezza, e che gli permetta di contribuire fattivamente al miglioramento delle condizioni di vita dell'intera comunità umana.

Questo diritto, questo naturale retaggio ad una vita maestosa, gli è stato offuscato.

Ma da che cosa?

Che cosa si frappone tra noi e la vita che desideriamo, i sogni che vogliamo realizzare, la pace che desideriamo raggiungere? Siamo stati condizionati a credere che qualcosa di esterno a noi stessi sia la causa della nostra infelicità, ma non è così. Qualcosa che agisce dentro di noi scatena al di fuori quell'inferno dal quale vogliamo fuggire, ma di cui non riusciamo a privarci. Qualcosa di cui spesso non conosciamo nemmeno l'esistenza, perchè nessuno ci ha mai spiegato dove guardare; tranne, naturalmente, tutte le tradizioni di ricerca interiore che hanno un fondamento nella Verità, perchè tutte, senza alcuna eccezione, indicano da sempre l'esatto punto dove guardare e l'esatto modo di liberarsi.

Un insieme di Forze agisce su ogni essere umano al fine di depotenziarlo e renderlo timoroso, debole, dubbioso, attaccato emozionalmente ad abitudini dannose, e portato ad indugiare invece che ad agire. Questo insieme di Forze è sostenuto dalla nostra non conoscenza dei mezzi che esse usano per depotenziarci, ma può essere inattivato per consentire finalmente alla Consapevolezza che alberga in noi di dispiegarsi verso ciò che è realmente.

Questo insieme di Forze è ciò che in questo film documentario identifichiamo con Lo Sfidante. Un termine di comodo, un segnale indicatore. Verso una realtà che è giunto il momento di svelare e diffondere.

Nel film, vedremo in che modo Lo Sfidante ci depotenzia, quali sono i mezzi che utilizza per farlo, e una possibile via di azione che ci porti a liberarci dalla sua nefasta interazione con noi.

 

Testo tratto interamente dal sito: www.marenectaris.net

Sempre presso questo sito è possibile fare il download sia del testo completo che dello stesso film documentario. 

 


leggi tutto

Io sono lo spazio in cui tutto accade (video)


leggi tutto

Sconfiggere paure e ansia: meditazione (video)

 

Corretta posizione seduta e respiro consapevole

 

La corretta posizione seduta (tutto ciò che verrà detto lo si può estendere anche alla postura eretta), ci permette di mantenere un collegamento con la terra e una buona verticalizzazione verso l’alto, unico modo per poter riportare equilibrio dentro di noi. Infatti il connubio tra terra e cielo rappresenta l’unione perfetta di cui l’essere umano ha bisogno per mantenersi in equilibrio e per poter far fronte ad una realtà, soprattutto quella attuale dove tutto ruota attorno a dei NON VALORI come l’immagine, l’estetica, la performance, il non invecchiare, essere sempre efficienti. Se poi aggiungiamo le incertezze che nascono dentro all’animo delle persone a causa delle guerre, della violenza, dell’instabilità economica, della mancanza di solidarietà e rispetto tra le persone, si può presto capire il perché l’essere umano è così come non mai afflitto da stati d’ANSIA, depressione, alterazione dell’umore come tristezza, rabbia, sconforto e soprattutto PAURA e INSICUREZZE, matrici di quasi tutti i disturbi della personalità.                     Nella posizione corretta seduta e in piedi è possibile cogliere attraverso un atto di ascolto la vitalità, la calma e un appagamento profondo che proviene da una respirazione consapevole.

 


leggi tutto
Credits giracrea & grifo.org